Coach Academy

Sai qual è la verità? È che molto spesso tendiamo a reagire con timore, circospezione e ansia anche quando il cambiamento è mosso dalle migliori intenzioni.

Le neuroscienze ci insegnano che esiste un’area chiamata “corteccia cingolata anteriore” deputata a confrontare ciò che facciamo, in un dato momento, con gli schemi di comportamento già consolidati nella memoria: quando si registra un conflitto, questo viene segnalato all’amigdala, che a sua volta attiva un meccanismo di difesa che ci induce a resistere al cambiamento.

PERCHÈ IN QUESTI CASI DIVENTA ESSENZIALE AFFIDARSI AL COACHING?
La figura del Coach, innanzi a tali resistenze, diventa fondamentale.
Attraverso interventi specifici, i clienti iniziano a vedere il cambiamento come una trasformazione di cui sono autori e protagonisti: un bravo coach attiva un processo esplorativo anziché difensivo.

Le conversazioni sono orientate al risultato e non al problema. Si utilizzano tools specifici e mirati allo scopo.